Venerdì, 29 Maggio 2020 00:00

Il genio non esiste (e a volte è un idiota)

«Il genio non esiste (e a volte è un idiota)» è stato pubblicato dalla Casa Editrice Tlon nel marzo del 2020. L’autore è Barbascura X, un nickname dietro il quale si nasconde non solo uno Youtuber molto famoso, ma anche un chimico, un musicista e un divulgatore scientifico particolarmente abile: parlano per lui i quasi 400 mila iscritti al suo canale.

Originario di Taranto, Barbascura ha fondato il suo canale nel 2014, cominciando con contenuti a sfondo satirico, a cui hanno fatto seguito i Riassuntazzi Brutti Brutti, video ironici nei quali racconta film e serie tv. Nello stesso stile, Barbascura ha cominciato a pubblicare i video di Scienza Brutta, documentari nei quali accanto alle informazioni scientifiche ci sono ironia e umorismo e nei quali si evidenzia la caratteristica fondamentale dell’autore, ovvero la sua capacità di demolire l’immagine di alcuni tra gli animali più amati, come il panda e il delfino. Nella vita reale, Barbascura X è un chimico e un ricercatore, che ha collaborato con diverse strutture di ricerca in tutta Europa.

Il libro «Il genio non esiste» è in realtà la trascrizione di un monologo teatrale che nel 2019 ha raggiunto le quaranta repliche. Contiene le biografie di sei scienziati famosi, Democrito, Newton, Darwin, Marconi, Tesla ed Einstein che vengono, in qualche modo, spogliati della loro aura di genialità per essere avvicinati al grande pubblico. Barbascura infatti sostiene che anche i più grandi scienziati, nel corso della loro vita, hanno commesso degli errori e «quello che chiamiamo “genio” è spesso semplicemente passione». I sei personaggi vengono descritti nelle caratteristiche che in qualche modo li possono avvicinare un po’ di più al lettore, perché il rischio è quello di ammirarli da lontano e, considerandoli inarrivabili, rinunciare ad imitarli. Mentre li descrive in modo dissacrante, Barbascura ci mostra come fondamentale per la ricerca scientifica non sia tanto il possesso di qualche particolare abilità intellettuale, ma soprattutto la capacità di appassionarsi e di studiare senza risparmiarsi. «La verità è che se ognuno di noi avesse investito la stessa quantità di tempo di quei “geni” nell’affinare la propria arte, commettendo gli stessi errori e nello stesso numero, scoprendo che qualche errore ci piaceva pure, provando, fallendo, mischiando, sperimentando, trovando il nostro personalissimo stile, forse oggi potremmo tranquillamente competere con loro ad armi pari.»

Barbascura scrive esattamente come parla, perciò leggere il suo libro è come sentirlo parlare nei suoi filmati su YouTube. La lettura è stata particolarmente interessante, forse anche perché condivido pienamente le idee di Barbascura e ritengo questo libro non solo estremamente godibile per chiunque, anche per chi non ha una preparazione scientifica, ma particolarmente interessante soprattutto per i ragazzi, che si affacciano alla vita e sono ancora impegnati nella scelta di un percorso. Non per niente, il linguaggio scelto è proprio quello che usano loro. Mi ha colpito in particolare quanto Barbascura scrive riguardo le donne: i sei protagonisti sono tutti uomini, ma l’autore non manca di sottolineare, quando gli è possibile, il ruolo delle donne nell’ambito della ricerca scientifica, evidenziando che «sono esattamente come gli uomini, né meglio né peggio».

Informazioni aggiuntive

  • Autori: Barbascura X
Letto 377 volte Ultima modifica il Sabato, 22 Agosto 2020 20:36

5 commenti

  • Link al commento Pietro Gallizioli Lunedì, 08 Giugno 2020 23:38 inviato da Pietro Gallizioli

    Questo libro mi è piaciuto molto perché Barbascura tratta sei grandi “geni” (Democrito, Newton, Darwin, Marconi, Tesla ed Einstein) come delle persone normali che oltre ad avere fatto importanti passi nella scienza però hanno commesso degli errori (un po’ come nel libro di Luca Perri “Errori Galattici”); questo accade a tutte le persone su questo pianeta, ma la passione che hanno avuto gli scienziati in questione, li ha portati a fare scoperte sensazionali. L’autore si esprime in maniera chiara ed ironica, dando la possibilità di capire il significato che vuole trasmettere, anche a chi non ha particolari conoscenze scientifiche. Questo libro lo consiglio a tutti perché ci spiega come la passione sia il motore della vita.

  • Link al commento Giulia Lunedì, 08 Giugno 2020 19:32 inviato da Giulia

    Il libro è fantastico, divertente e interessante. i miei capitoli preferiti sono sicuramente quelli su Democrito e Newton. Mi ha fatto riflettere ancora di più sul sottile filo che separa il pazzo dal genio e di quanto spesso questo copi le idee da altri. L'interpretazione è stupenda e, conoscendo Barbascurax, si avvicina abbastanza all'originale! Consiglio il libro per poter capire quanto quelli che definiamo geni siano in realtà molto simili a noi.

  • Link al commento Elena Lunedì, 08 Giugno 2020 18:47 inviato da Elena

    Ho apprezzato molto questo libro per il modo schietto e ironico con cui racconta la scienza, un argomento non molto semplice specialmente per i poco esperti. L'inconfondibile stile di Barbascura ci fa ridere e allo stesso pensare: forse i grandi geni della storia non avevano nulla di così speciale e tutti noi possiamo aspirare a fare qualcosa di importante o a realizzare i nostri sogni. In fondo siamo tutti umani e come tali abbiamo tutti i nostri punti di forza, le nostre stranezze e le nostre debolezze, tutti possiamo raggiungere i nostri obiettivi, esattamente come hanno fatto questi importanti uomini di scienza.
    Molto interessante ma allo stesso tempo divertente e ironico, consigliato!

  • Link al commento Simone Lunedì, 08 Giugno 2020 17:44 inviato da Simone

    Il libro mi è piaciuto molto, d'altro canto non ci si poteva aspettare di meno da un personaggio come Barbascura, che anche nel mondo di youtube cerca di portare contenuti interessanti ma con il suo solito umorismo. L'autore cerca di sviscerare i segreti dei grandi padri della scienza, facendoli in un certo senso scendere dal loro podio di divinità e descrivendoli come delle persone del tutto normali, semplici umani con i loro problemi ma con una curiosità infinita.
    Infine il finale non si poteva chiudere senza una sfida lanciata da Barbascura a tutti i lettori, inviandoli a mettersi in gioco, a non arrendersi e a non perdere mai la voglia di scoprire cose nuove perchè è solo così che le persone che definiamo geni possono diventare tali.
    Molto Consigliato
    Simone

  • Link al commento Alberto Venerdì, 05 Giugno 2020 10:10 inviato da Alberto

    Il libro è molto bello ed è un nuovo metodo per spiegare la storia della scienza e degli scienziati più famosi. Nel libro è inoltre presente una parte di ironia, la quale aiuta la comprensione e la lettura, questa smonta tutte le credenze su questi scienziati così da "umanizzarli", il libro come i video di "Scienza Brutta" creano nel lettore e nella persona che guarda li guarda una curiosità di scoprire più a fondo tutto il mondo della scienza. Libro bellissimo, divertente e molto comprensibile nonostante i temi trattati.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

© 2020 Amolamatematica di Daniela Molinari - Concept & Design AVX Srl
Note Legali e Informativa sulla privacy